FLAUTO TRAVERSO COME E’ FATTO

FLAUTO TRAVERSO COME E’ FATTO

21 Marzo, 2019 0 Di Blogkaraeasy

Ciao amici, stavate cercando FLAUTO TRAVERSO COME E’ FATTO? 
Un flauto è uno strumento musicale che produce il suono quando una corrente d’aria è diretta contro il bordo di un foro, facendo vibrare l’aria all’interno del corpo dello strumento. La maggior parte dei flauti è tubolare, ma alcuni sono globulari o di altre forme. Alcuni flauti vengono suonati soffiando aria in un bocchino, che dirige l’aria contro il bordo di un buco, dove si trova il flauto. Questi strumenti, noti come flauti di fischietto, includono il registratore tubolare e l’ocarina globulare. Altri flauti vengono suonati soffiando aria direttamente contro il bordo del foro.

Alcuni flauti sono tenuti verticalmente e vengono suonati soffiando aria contro il bordo di un foro all’estremità del flauto. Questi strumenti includono flauti di bambù giapponesi e il flauto di Pan. Il flauto di Pan, noto anche come syrinx, consiste di diversi flauti verticali di varie dimensioni unite tra loro.

Altri flauti sono tenuti orizzontalmente e vengono suonati soffiando aria contro il bordo di un foro sul lato del flauto. Questi strumenti, noti come flauti traversi, includono il flauto moderno usato nelle orchestre.

I flauti esistono fin dalla preistoria. Un frammento di un osso della caverna con due fori, scoperto in Slovenia nel 1995, è considerato da alcuni scienziati come parte di un flauto usato da Neanderthal più di 43.000 anni fa. I flauti erano usati dai Sumeri e dagli Egizi migliaia di anni fa. Alcuni flauti egiziani antichi sono sopravvissuti, conservati nelle tombe dall’arido clima desertico. Questo strumento egiziano era un flauto verticale, lungo circa un metro (0,9 m) e largo circa 1,3 cm, con un numero di fori compreso tra due e sei. Le versioni moderne di questo flauto sono ancora utilizzate in Medio Oriente oggi.

Gli antichi greci usavano il flauto di Pan, probabilmente indirettamente influenzato da versioni cinesi più sofisticate. Il flauto traverso fu usato in Grecia ed in Etruria dal II secolo a.C. e più tardi apparve in India, Cina e Giappone. I flauti sono quasi scomparsi dall’Europa dopo la caduta dell’impero romano, fino a quando le crociate non hanno portato gli europei in contatto con gli arabi. I flauti verticali si sono diffusi dal Medio Oriente verso l’Europa e sono ancora utilizzati nei Balcani e nelle regioni  della Spagna e della Francia. I flauti traversi si diffusero dall’impero bizantino alla Germania, poi apparvero in Spagna e Francia nel XIV secolo.

Durante il Rinascimento, i flauti traversi consistevano in cilindri di legno di varie dimensioni, tipicamente fatti di legno di bosso, con un tappo di sughero in un’estremità e sei fori per le dita. Durante la fine del diciassettesimo secolo, la famiglia Hotteterre, notò i produttori di strumenti francesi, ridisegnò il flauto traverso. Invece di un singolo cilindro, il flauto consisteva in un’articolazione della testa, un corpo e un’articolazione del piede. I Flauti moderni sono ancora realizzati in queste tre parti fondamentali. Il nuovo flauto ha anche aggiunto una sola chiave, consentendo l’esecuzione di più note. Dopo il 1720, il corpo era spesso diviso in due parti di lunghezza variabile, consentendo al flauto di essere regolato per suonare in vari tasti musicali. Nel 1760, altre tre chiavi furono aggiunte dagli strumenti per flutter di Londra, seguite da altre due chiavi nel 1780 e altre due nel 1800.

Il flauto traverso fu completamente ridisegnato a metà del XIX secolo dal costruttore di strumenti tedesco Theobald Bohm. Bohm ha cambiato la posizione dei fori e aumentato le loro dimensioni. Poiché i nuovi fori erano impossibili da raggiungere con le dita, sono stati aggiunti nuovi meccanismi per coprire e scoprire se necessario. Il sistema Bohm è ancora utilizzato nei moderni flauti trasversali.

Materiali grezzi
Alcuni flauti moderni sono fatti di legno che produce un suono diverso dai flauti metallici. Questi flauti di legno hanno generalmente chiavi e meccanismi in metallo.

La maggior parte dei flauti sono fatti di metallo. Flauti meno costosi, destinati agli studenti, possono essere fatti da leghe di nichel e altri metalli. Flauti più costosi possono essere placcati con argento.

I cuscinetti attaccati alla superficie dei tasti per coprire i fori sono fatti di sughero e feltro. Le molle che forniscono la tensione per tenere saldamente le chiavi contro i fori possono essere fatte di acciaio, bronzo o oro. I perni e le viti che tengono insieme il meccanismo sono in acciaio. Il boccaglio, contenente il foro in cui viene soffiata l’aria, può essere fatto dello stesso metallo del resto del flauto, oppure può essere fatto di un altro metallo, come il platino.

Design
Ogni flauto è un’opera d’arte realizzata individualmente. Il flautista deve considerare le esigenze del musicista che utilizzerà il flauto. Gli studenti hanno bisogno di strumenti relativamente economici ma affidabili. I musicisti professionisti devono avere strumenti di altissima qualità, spesso con modifiche speciali apportate ai tasti per soddisfare esigenze particolari.

La parte più individuale di un flauto è l’articolazione della testa. I musicisti professionisti spesso provano diverse articolazioni della testa prima di selezionarne una che produca il suono che preferiscono. Le articolazioni della testa sono spesso realizzate per soddisfare le esigenze speciali dei singoli musicisti.